FREE

STEEL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

AGCM, sanziona Rbm Salute

Dall'istruttoria risulta che molti rimborsi venivano respinti per motivi prestestuosi e che l'accesso alle pratiche era difficile e faraginoso.

Sanzione di 5milioni di euro per Intesa Sanpaolo Rbm Salute e 1milione di euro per Previmedical, per pratica commerciale scorretta nei confronti degli iscritti.

Questa è la “sentenza” emessa dall’ l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) nei confronti dei due istituti operanti nel ramo assicurativo sinistri e salute.

In particolare modo, l’Antitrust ha evidenziato come la fruizione dei servizi offerti sia onerosa e difficile da fruire da parte dei consumatori con pratiche amministrative al limite dell’ostruzionismo per allungare i tempi o fino rendere impossibile usufruire del servizio richiesto.

Molto spesso, come evidenzia il rapporto dell’AGCM, per le prestazioni assicurative venivano chiesti doppioni di documentazioni già presentati e disponibili negli archivi, o ritardando, in modo pretestuoso, il pagamento di premi e voucher per le terapie.

Le indagini sono state avviate nel novembre 2020 a seguito della segnalazione dell’Associazione dei consumatori Altroconsumo che aveva raccolto oltre 1000 reclami tra gennaio 2018 e ottobre 2020 e dell’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (Ivass), che aveva, a sua volta, constatato oltre 1.100 reclami nello stesso periodo.

Ma il “polverone”, che lascia pensare, si è alzato nel momento delle “indagini” su Intesa Sanpaolo Rbm che tra gennaio 2018 e ottobre 2020 registrava 10.102 reclami molti dei quali provenienti da aderenti al fondo sanitario MètaSalute, che da solo raccoglie oltre un terzo del numero di assicurati di ISRbm.

Convidi Questo Articolo