FREE

STEEL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Carta Acquisti Ordinaria per minori

La Carta acquisti ordinaria è una carta di pagamento elettronica concessa a cittadini che si trovano in condizioni di disagio economico.

La Carta Acquisti Ordinaria per minori, istituita dal decreto-legge 112/2008, è una misura di supporto economico alla famiglia, che spetta appunto in presenza di minori di tre anni e in caso di particolari necessità economiche del nucleo familiare, sulla base dell’indicatore ISEE.

Fino al 2013, la Carta Acquisti Ordinaria era fruibile solo da cittadini italiani; in seguito, però, con la Legge di Stabilità 2014 (n.147/2013) è stata estesa anche ai cittadini con permesso di soggiorno di lungo periodo e a cittadini di altri Stati appartenenti all’UE.

La Carta Acquisti Ordinaria per minori funziona come una carta di pagamento elettronico, e deve essere utilizzata per la spesa alimentare e il pagamento delle bollette; infatti, ogni due mesi, viene accreditata una somma di denaro, spendibile però solo elettronicamente, dal momento che non presenta l’abilitazione per prelevare soldi contanti.
Si ricorda che gli esercizi commerciali abilitati alla ricezione della Carta espongono un particolare adesivo di riconoscimento.

Per ottenere la carta acquisti ordinaria per minori è necessario che il richiedente possegga alcuni requisiti amministrativi ed economici.

I requisiti amministrativi per poter richiedere la Carta Acquisti Ordinaria per figli minori sono:

  • “essere cittadino regolarmente iscritto nell’Anagrafe della Popolazione Residente (Anagrafe comunale).
  • possedere la Cittadinanza italiana;
  • oppure possedere cittadinanza di uno Stato appartenente all’Unione Europea;
  • oppure essere familiare di cittadino italiano, non avente la cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione Europea, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
  • essere familiare di cittadino comunitario, non avente la cittadinanza di uno Stato membro dell’Unione Europea, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
  • oppure essere cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • essere rifugiato politico o titolare di posizione sussidiaria”

(Fonte INPS).

I requisiti economici per richiedere la Carta sono:

  • avere un indicatore ISEE in corso di validità inferiore a 7.001,37 euro per l’anno 2021;
  • non devono essere, insieme agli esercenti la potestà o ai soggetti affidatari intestatari di più di un’utenza elettrica domestica, di più di un’utenza elettrica non domestica, di più di due utenze del gas, di più di due autoveicoli;
  • non devono essere proprietari, insieme agli esercenti la potestà o ai soggetti affidatari, di più di un immobile ad uso abitativo con una quota superiore o uguale al 25%, di immobili che non sono ad uso abitativo o di categoria catastale C7 con una quota superiore o uguale al 10%;
  • non devono essere titolari, insieme agli esercenti la potestà o ai soggetti affidatari, di un patrimonio mobiliare superiore a 15.000 euro come rilevato nella dichiarazione ISEE.

Nel caso di minori di tre anni di età, il titolare della Carta è chi detiene la patria potestà.

(Fonte INPS).

Si fa presente che la Carta Acquisti Ordinaria può essere richiesta anche da cittadini dai 65 anni in poi, che rispettino i requisiti indicati qui dall’INPS.

L’importo, pagato bimestralmente, della Carta Acquisti Ordinaria è di 80 euro, ossia 40 euro mensili.

La Carta è cumulabile con altri sostegni al reddito familiare, come il Reddito di Cittadinanza.

I richiedenti e i precettori di Carta acquisti dovranno presentare quanto prima nel mese di gennaio la DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) per il nuovo anno. In caso contrario, l’erogazione della stessa sarà sospesa fino alla presentazione di una DSU valida”.

La domanda per richiedere la Carta Acquisti Ordinaria per minori deve essere inviata attraverso un ufficio postale, tramite gli appositi moduli.

Per maggiori informazioni presso il nostro Patronato EPAS di Terni in Via Annio Floriano, 5.

Convidi Questo Articolo